POLITICA Letto 2537  |    Stampa articolo

Comune. Approvata la variazione di bilancio.

Roberto Saporito
Foto © Acri In Rete
La prima riunione del consiglio comunale post ferie, coincide con una variazione di bilancio. Passata, alla fine, con i soli voti della maggioranza, contro si sono espressi Pd e IdV. Sull’argomento ha relazionato l’assessore al ramo, Vigliaturo. La variazione, che è di 250.000,00 euro, è stata dettata dalle entrate ed uscite riguardo la rassegna Acrinscena.
Centocinquanta mila, ha detto Vigliaturo, è la somma che proviene da trasferimenti regionali mentre la restante dagli incassi al botteghino. La variazione, ha aggiunto Vigliaturo, è stata portata in consiglio in questa data visto la decorrenza della delibera di giunta di metà luglio.”
L’opposizione, Pd e IdV, non ci sta e accusa; “c’è solo un impegno di spesa, nulla più, ora ci aspettiamo tutte le voci in particolare per verificare le effettive spese”, dice Capalbo di Dp mentre Bonacci (Pd), “la rassegna è stata al di sotto delle aspettative ed ha portato la città indietro negli anni.
Poi accusa; “la variazione di bilancio non è passata nell’apposita commissione.” Quindi Cozzolino (Pd); “nella programmazione la minoranza non è stata coinvolta, andate avanti con improvvisazione ed arroganza.” Serra (Udc) replica; “l’amministrazione ha organizzato la rassegna puntando sulla qualità e cercando di non gravare sulla casse comunali. Il tutto dopo appena due mesi dall’insediamento e grazie alla magistrale direzione artistica del dott. Merola.
Quindi la votazione con l’approvazione del punto, ora l’ appuntamento con i numeri è fissato per fine mese con gli equilibri di bilancio. Durante l’assise sono stati presentati altri due punti, entrambi votati all’unanimità. Il primo contro la lapidazione di Sakineh, promosso dalla maggioranza, ed il secondo, promosso da Capalbo (Pd) per la solidarietà e la ferma condanna contro atti intimidatori nei confronti delle istituzioni ed in particolare del presidente del consiglio regionale, Talarico e della giunta, Scopelliti. Approvato, infine, il regolamento sulla video sorveglianza dopo i rilievi mossi dall’opposizione, bocciati in commissione ma approvati in assise, grazie alle interrogazioni di Capalbo (Pd), Minisci (IdV) e Capalbo (Dp) che, però, sul voto si sono astenuti. L’ultima nota riguarda l’orario del consiglio che anche ieri si è tenuto di mattina. Una decisione fortemente voluta dal sindaco Trematerra e che ha raccolto il favore di cittadini ed esponenti politici.


PUBBLICATO 08/09/2010

© Riproduzione Riservata  E' vietata la riproduzione, la traduzione, l'adattamento totale o parziale di questo giornale, dei suoi articoli o di sue foto (© Acri In Rete) presenti in esso.

Ultime Notizie

POLITICA  |  LETTO 4628  
Incontro di fine anno con il sindaco Trematerra.
E' un Gino Trematerra, gasato, soddisfatto ed orgoglioso, quello che si presenta ad Acri Tv (l’intervista andrà in onda stasera alle 21,30 e domani in replica alle 14, ma sarà visibile anche sul sit ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 3818  
Ospedale a rischio.
Le frasi pronunciate in conferenza stampa, sul futuro degli ospedali di montagna, dal presidente della giunta regionale Giuseppe Scopelliti due giorni fa rappresentano per la comunità acrese un'aute ...
Leggi tutto

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 3382  
Tempo di bilanci per il PDL di Acri.
Siamo ormai giunti alla fine di quest'anno, il 2010, ed anche il PdL locale tira le somme di quanto realizzato. Soddisfatti i vertici del partito per quanto realizzato finora.
Leggi tutto

POLITICA  |  LETTO 4067  
Comunita’ montana destra crati. Approvato il bilancio, salvi gli stipendi.
Finalmente, esclamo i dipendenti. Solo loro, però, perché la seduta di ieri, dopo vari rinvii, era stata convocata apposta per discutere dell'importante documento senza l'approvazione del quale eran ...
Leggi tutto

RELIGIONE  |  LETTO 4387  
Il giorno del coraggio.
Attorno a noi tanta apparente dolcezza, tanto facile sentimento, emozioni anche belle ma tanto pervasive quanto superficiali: in realtà la festa del Natale è cristianamente "dura" perché tocca, per ...
Leggi tutto