NEWS Letto 3802  |    Stampa articolo

Una storia da migrante spezzata.

Piero Cirino
Foto © Acri In Rete
Abou Diabo quando è giunto in ospedale, venerdì sera, era già morto, ma lì si è in breve riversata una folla che si faceva di minuto in minuto sempre più grande. Quella gente non aveva un parente cui esprimere il proprio cordoglio, ma era stata portata in quel luogo quasi da automa. Le lacrime versate e un grande emozione collettiva rendono solo in parte la cifra del rispettoche questoragazzo proveniente dall’Africa centrale si era guadagnato sul campo. L’anagrafe ci dice che aveva diciannove anni, ma erano stati così intensi da renderlo molto più vecchio della sua età. La vita di Abou è finita nel centro di Acri venerdì sera, nel momento in cuiil suo scooter si è schiantato contro un’auto a un incrocio. Una fine così violenta sarebbe stata in tono con il suo passato africano, ma in Italia si aspettava qualcosa di molto diverso. E qualcosa di molto diverso da qualche tempo era avvenuto.
Nello scorso mese di giugno, in occasione dei festeggiamenti del secondo anniversario del centro di accoglienza “Il rifugio di Isaac”, che dà asilo a minoriprovenienti da terre infestate dai conflitti più assurdi, prese il microfono in manoe ci si accorse subito che si trattava di un leader. Che del capo avesse il carisma lo testimonia anche il suo curriculum, che racconta di un ragazzo che promuove uno sciopero scolastico dopo l’uccisione di un giornalista nel Burkina Faso, dove era nato, a Sampema, nel distretto di Zabrè. Da quelle parti chi fa queste cose viene gettato in fondo a una cella e se ne butta la chiave. Questo nella migliore delle ipotesi, perché spesso capita che se ne ritrovi il cadavere senza che nessuno sappia o dica nulla. Per questo, Abou è costretto a fuggire. Parte il 17 dicembre 2007, arriva dopo duegiorni in Niger, quindiad Agadese Doukourov, per poi giungere in Libia, dove rimarrà per oltre otto mesi, a pulire casa e accudire gli animali in una casa privata. Il 15 ottobre dell’anno successivo, su un gommone, arriva a Lampedusa e ci arriva dopo tre giorni e tre notti di navigazione, in cui con i suoi compagni di ventura, costipati come sardine, ha rischiato la vita istante dopo istante. Se cadi, lì nessuno ti soccorre. Da Lampedusa arriva ad Acri, dove è appena nato “Il rifugio di Isaac”. Qui rimane un anno e mezzo circa. Studia, con risultati eccezionali, e si integra alla perfezione, anche grazie all’aiuto della sua tutrice Maria Grano, dell’Ufficio Servizi Sociali del Comune, oltre a quello degli operatori del Centro, che ormai sono diventati una famiglia. Appena maggiorenne trova lavoro in un distributore di carburante, viene regolarmente assunto, fitta casa ed è amico di tutti. Se lo trovi al bar, non c’è verso: è lui che deve pagare. Chiama mamma e papà chi nei suoi confronti sidimostra amico ed èunmodoper esprimerelasuagratitudine. Venerdì sera erano molti i “genitori” a piangere. Luigi Branca, responsabile del “Rifugio di Isaac”, ricorda il “ragazzo solare, con il piglio da leader eun timbrodi voce un po’più alto. Sembrava quasi che ti aggredisse, ma quello che diceva non coincideva quasi mai con come lo diceva. Era – prosegue Branca un inno alla vita e un punto di riferimento per gli altri ospiti della struttura, anche dopo che se n’era andato”. Abou anche per il Centro ha rappresentato un esempio e, quando l’emozione popolare sarà svanita, quando il ciglio sarà asciutto, l’immagine di questo bel ragazzo potrà dare una mano a quanti magari saranno più fortunati di lui.

Fonte: "Il Quotidiano della Calabria" del 10-09-2010.

PUBBLICATO 12/09/2010

© Riproduzione Riservata  E' vietata la riproduzione, la traduzione, l'adattamento totale o parziale di questo giornale, dei suoi articoli o di sue foto (© Acri In Rete) presenti in esso.

Ultime Notizie

POLITICA  |  LETTO 4628  
Incontro di fine anno con il sindaco Trematerra.
E' un Gino Trematerra, gasato, soddisfatto ed orgoglioso, quello che si presenta ad Acri Tv (l’intervista andrà in onda stasera alle 21,30 e domani in replica alle 14, ma sarà visibile anche sul sit ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 3816  
Ospedale a rischio.
Le frasi pronunciate in conferenza stampa, sul futuro degli ospedali di montagna, dal presidente della giunta regionale Giuseppe Scopelliti due giorni fa rappresentano per la comunità acrese un'aute ...
Leggi tutto

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 3380  
Tempo di bilanci per il PDL di Acri.
Siamo ormai giunti alla fine di quest'anno, il 2010, ed anche il PdL locale tira le somme di quanto realizzato. Soddisfatti i vertici del partito per quanto realizzato finora.
Leggi tutto

POLITICA  |  LETTO 4065  
Comunita’ montana destra crati. Approvato il bilancio, salvi gli stipendi.
Finalmente, esclamo i dipendenti. Solo loro, però, perché la seduta di ieri, dopo vari rinvii, era stata convocata apposta per discutere dell'importante documento senza l'approvazione del quale eran ...
Leggi tutto

RELIGIONE  |  LETTO 4385  
Il giorno del coraggio.
Attorno a noi tanta apparente dolcezza, tanto facile sentimento, emozioni anche belle ma tanto pervasive quanto superficiali: in realtà la festa del Natale è cristianamente "dura" perché tocca, per ...
Leggi tutto