COMUNICATO STAMPA Letto 3072  |    Stampa articolo

Acrinscena e' stato un successo pieno di spettacoli gratuiti.

Portavoce Sindaco
Foto © Acri In Rete
A riguardo del confronto sulle scorse edizioni estive basta dire che la prima differenza sta nel fatto che quest'anno Acri è apparsa sui media nazionali - RAI 2 - grazie al Direttore artistico Valerio Merola, con un servizio speciale dedicato alle nostre tradizioni, alle bellezze paesaggistiche e alle ricchezze culturali, all'interno di un programma estivo - La Giostra sul 2 - assumendo una risonanza pubblicitaria enorme anche sulla stampa.
Lo scorso anno, invece, la nostra città era sui media locali, giornali e siti internet, per la gogna posta in essere dal promoter Ruggero Pegna nei riguardi del Direttore Artistico nominato dalla vecchia Giunta che rivendicava pubblicamente anche all'Amministrazione, per le sue responsabilità, il pagamento del concerto di Cristiano De Andrè e altro perché purtroppo i titoli a lui versati risultavano sprovvisti di copertura.
Volendo continuare, i conti si fanno con l'oste per essere seri, non bisogna dimenticare che quest'anno gli spettacoli di Acrinscena all'anfiteatro, da non confondere con l'Estate acrese, sono stati 14 contro i 6 dello scorso anno. C'è di più, in Acrinscena gli spettacoli gratuiti erano 11 quelli a pagamento 3. Mentre quelli degli amici del centro sinistra erano tutti e 6 a pagamento. Anzi tutti e 5 perché un concerto, quello di Zurzulo, tutto ad un tratto è stato annullato il giorno stesso in cui si doveva svolgere.
Poi le due gestioni sono diverse, la vecchia Amministrazione ha preferito rinunciare all'incasso degli spettacoli perché aveva deciso di erogare un esoso contributo a favore dei privati ovvero 55 mila euro a Elio Belmonte management nel 2008 e 35 mila euro alla Zeus S.r.l. nel 2009 con una scelta cosi detta "fiduciaria" senza lo stralcio di nessuna gara, con l'uso gratuito dell'anfiteatro e sostenendogli pure i costi di energia elettrica, personale ecc. Per cui le 35 mila euro dell'AmphiteAcri sommate alle 45 mila dell'Estate acrese totalizzano le 80 mila euro di spese. Acrinscena con l'Estate acrese ha contabilizzato circa 315 mila euro. Ergo, la spesa non può essere confrontata in modo machiavellico perchè se fosse vero quello che afferma il centro sinistra 80 mila euro per 10 fa 800 mila euro e così non e' stato. Il costo della rassegna estiva del 2010 sarà coperto con finanziamenti regionali, incasso degli spettacoli e con meno del 16 % dell'importo totale con fondi comunali. Tutti rendicontati, fatti con gare nel rispetto di quanto previsto dalla legislazione con un basso impatto economico per il comune.
La manifestazione è stata fatta con lo spirito di dare la possibilità a tutti di andare all'anfiteatro gratuitamente, per godersi un bello spettacolo e passare una serata estiva.
Lo stesso non si può dire che sia avvenuto nel passato. Ancora giacciono debiti per la manifestazione di AmphiteAcri del 2008, 27 mila euro, che vanno sommate alle 73 mila euro già pagati e sostenuti interamente dalla casse comunali. Nel 2009 rimangono altre 20 mila euro di debito che, se si recuperano i finanziamenti regionali resteranno tali, altrimenti saranno altre 80 mila euro a carico del comune che sommate alle spese del 2008 risulteranno complessivamente di 180 mila euro. A quest'ultime, da accertamenti contabili, oggi risulta un ulteriore aggravio di circa 10 mila euro suddiviso per l'anno 2008 e 2009. Un regalo della passata Amministrazione con la beffa per quei cittadini che sono rimasti senza possibilità di ingresso gratuito. Riguardo sempre all'edizione 2009 i finanziamenti attesi, anticipati e quindi sostenuti con soli fondi comunali dalla Giunta precedente, sono in serie difficoltà perché per poterli riscuotere bisogna presentare la documentazione che non risulta diciamo "propriamente idonea e chiaramente rendicontabile" per cui il bilancio dei conti 2008 e 2009 pende grazie all'Amministrazione del centro sinistra pesantemente sulle tasche dei cittadini.

PUBBLICATO 19/09/2010

© Riproduzione Riservata  E' vietata la riproduzione, la traduzione, l'adattamento totale o parziale di questo giornale, dei suoi articoli o di sue foto (© Acri In Rete) presenti in esso.

Ultime Notizie

POLITICA  |  LETTO 4628  
Incontro di fine anno con il sindaco Trematerra.
E' un Gino Trematerra, gasato, soddisfatto ed orgoglioso, quello che si presenta ad Acri Tv (l’intervista andrà in onda stasera alle 21,30 e domani in replica alle 14, ma sarà visibile anche sul sit ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 3816  
Ospedale a rischio.
Le frasi pronunciate in conferenza stampa, sul futuro degli ospedali di montagna, dal presidente della giunta regionale Giuseppe Scopelliti due giorni fa rappresentano per la comunità acrese un'aute ...
Leggi tutto

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 3380  
Tempo di bilanci per il PDL di Acri.
Siamo ormai giunti alla fine di quest'anno, il 2010, ed anche il PdL locale tira le somme di quanto realizzato. Soddisfatti i vertici del partito per quanto realizzato finora.
Leggi tutto

POLITICA  |  LETTO 4065  
Comunita’ montana destra crati. Approvato il bilancio, salvi gli stipendi.
Finalmente, esclamo i dipendenti. Solo loro, però, perché la seduta di ieri, dopo vari rinvii, era stata convocata apposta per discutere dell'importante documento senza l'approvazione del quale eran ...
Leggi tutto

RELIGIONE  |  LETTO 4385  
Il giorno del coraggio.
Attorno a noi tanta apparente dolcezza, tanto facile sentimento, emozioni anche belle ma tanto pervasive quanto superficiali: in realtà la festa del Natale è cristianamente "dura" perché tocca, per ...
Leggi tutto