NEWS Letto 4569  |    Stampa articolo

Lucia Paese: un'artista acrese alla Biennale di Venezia.

Giulia Zanfini
Foto © Acri In Rete
Frammenti di arte contemporanea acrese al femminile, quest'anno, alla Biennale di Venezia, palcoscenico della 12. Mostra Internazionale di Architettuta, nell'ambito dell'evento collaterale: "Oltre il Giardino - Un Giardino Globale", organizzato dal Gruppo Giovani Pittori Spilimberghesi, in collaborazione con Enti e Istituzioni. Il progetto nasce dalla sinergia di rinomati architetti, critici e artisti che arrivano da tutt'Italia. Tra questi: Lucia Paese, la versatile artista acrese che da anni attraversa lo scenario della pittura contemporanea, immergendosi in sperimentazioni, performances e iniziative culturali su e giù per lo stivale.
Donna, madre, artista a trecentosessanta gradi. Con i suoi dipinti Lucia Paese narra sapientemente il mondo che la circonda, toccando i grandi temi dell' identità multiculturale e i delicati temi del sociale, raccontando la figura femminile, attraverso un approccio strettamente personale e vibrante. La Paese si dimostra un'artista ecclettica, capace di reinventare la poetica che la spinge a esplorare la realtà, e i sentimenti umani, quadro dopo quadro. Le spesse pennellate espressioniste sottendono volti e luoghi, da cui trapela la sottile narrazione di un incontro ai confini del mondo. Lucia partecipa agli eventi del panorama dell'arte contemporanea, attraverso progetti diversi. Laddove le radici di un albero si fondono in spirali materiche, e la natura genera colori, vibra l'anima dell'artista, e il suo legame con l'ecologia creativa. Così la sua impronta autoriale nell'evento "Oltre il Giardino - Un Giardino Globale" diventa netta e inconfondibile.
In riferimento all'opera esposta a Venezia, il critico d'arte Emidio Di Carlo, scrive: "Nell'opera di Lucia Paese la Natura viene declamata con pacato verismo, sacralità e sentimento religioso fortificano il suo paesaggio".
Il progetto ha infatti l'obiettivo di sottolineare l'importanza del giardino come "luogo ideale dell'abitare, come spazio ove vivere un rapporto intimo e creativo", luogo di fascinazioni, suggestioni e sacralità, dove ritrovare il vero dialogo tra uomo e natura, impietrito e denaturato da industrializzazione e omologazione selvaggia. Così "il santuario vivente del legame tra spirito (umano e divino) e materia", come lo definiscono gli autori del progetto, è stato inaugurato il 29 agosto, nel suggestivo scenario artistico veneziano. Ed entrerà a far parte della storia di uno degli eventi artistici più importanti del mondo. "E' affascinante visionare le nuove tendenze artistiche nella contemporaneità" afferma La Paese "attraverso gli eventi nazionali e internazionali, in cui si capta straordinariamente la sfaccettata mutabilità di concepire lo spazio". L'acrese Lucia Pease, firma il progetto insieme a nomi noti del panorama artistico italiano. In particolare, i testi sono stati scritti da un gruppo di studiosi, tra cui spicca quello del noto storico dell'arte, Gillo Dorfles. Il progetto è stato realizzato con il sostegno della Fondazione CRUP di Udine-Pordenone. Tra gli espositori architetti spiccano nomi noti: Renzo Piano, Gaetano Pesce, Mario Bellini, Vittorio Gregotti, Ugo La Pietra e Paolo Portoghesi.
Tra le maglie più strette del tessuto che riveste la poetica del progetto "Oltre il Giardino - Un Giardino Globale" trapela il grande tema dell'ecologia, colonna portante della narrazione artistica. Emerge il concetto dell'"agri-tecture", "dove s'intravede un'ottica "spinoziana" della natura che si riappropria degli spazi pubblici", in uno scenario avveniristico, improntato alla sostenibilità. L'obiettivo è far nascere una presa di coscienza sul binomio uomo/natura, che ad oggi assume contorni violentemente dialettici.

Fonte: "Mezzoeuro"



PUBBLICATO 28/09/2010

© Riproduzione Riservata  E' vietata la riproduzione, la traduzione, l'adattamento totale o parziale di questo giornale, dei suoi articoli o di sue foto (© Acri In Rete) presenti in esso.

Ultime Notizie

POLITICA  |  LETTO 4633  
Incontro di fine anno con il sindaco Trematerra.
E' un Gino Trematerra, gasato, soddisfatto ed orgoglioso, quello che si presenta ad Acri Tv (l’intervista andrà in onda stasera alle 21,30 e domani in replica alle 14, ma sarà visibile anche sul sit ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 3822  
Ospedale a rischio.
Le frasi pronunciate in conferenza stampa, sul futuro degli ospedali di montagna, dal presidente della giunta regionale Giuseppe Scopelliti due giorni fa rappresentano per la comunità acrese un'aute ...
Leggi tutto

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 3388  
Tempo di bilanci per il PDL di Acri.
Siamo ormai giunti alla fine di quest'anno, il 2010, ed anche il PdL locale tira le somme di quanto realizzato. Soddisfatti i vertici del partito per quanto realizzato finora.
Leggi tutto

POLITICA  |  LETTO 4072  
Comunita’ montana destra crati. Approvato il bilancio, salvi gli stipendi.
Finalmente, esclamo i dipendenti. Solo loro, però, perché la seduta di ieri, dopo vari rinvii, era stata convocata apposta per discutere dell'importante documento senza l'approvazione del quale eran ...
Leggi tutto

RELIGIONE  |  LETTO 4392  
Il giorno del coraggio.
Attorno a noi tanta apparente dolcezza, tanto facile sentimento, emozioni anche belle ma tanto pervasive quanto superficiali: in realtà la festa del Natale è cristianamente "dura" perché tocca, per ...
Leggi tutto