NEWS Letto 2889  |    Stampa articolo

Parte la raccolta fondi tra i cittadini per terminare la Casa dell’Accoglienza.

Rosanna Caravetta
Foto © Acri In Rete
Sono passati dieci anni da quando venne posta la prima pietra ed oggi l'ambizioso progetto del presidente Nello Serra e di tutta la cooperativa Don Milani sembra ad un passo dalla sua realizzazione. Alla casa famiglia, che nasce in contrada S. Zaccheria su un terreno donato alla comunità dalla benefattrice Giuseppina Gencarelli, manca davvero poco per diventare quella tanto attesa dimora per i meno abbienti, per gli anziani soli, per gli orfani e per tutte quelle persone che abbandonate a se stesse hanno bisogno di aiuto.
La struttura, distribuita su due piani, oggi è in larga parte terminata grazie, soprattutto, se non unicamente, alle donazioni dei cittadini e al ricavato di alcune iniziative messe su dalla comunità. Una storia, quella della Don Milani, iniziata ad Acri nel lontano 1982 come organizzazione non lucrativa Onlus. Una storia che in questi anni non ha mai smesso di commuovere e coinvolgere la popolazione fino ad arrivare al 1999, anno in cui nacque e iniziò a prendere corpo l'idea del centro di accoglienza. Emerse in quel periodo, infatti, la volontà di affrontare il dramma degli anziani soli e dei tanti portatori di handicap. << In tante occasioni - spiega Serra - soffrimmo per l'incapacità delle istituzioni e della comunità locale di dare risposte ai problemi dei nostri concittadini che, in alcuni casi, per inadeguata assistenza trovarono la morte in incidenti fra le mura di casa. Altre volte assistemmo, impotenti, al ricovero in istituti che si distinsero per scandali e maltrattamenti.>>
Quindi, l'idea della casa famiglia, distante anni luce dal concetto di strutture finalizzate a creare unicamente posti letto e di lavoro. <<Noi vogliamo una casa come punto d'approdo - prosegue Serra- per chi è esposto all'abbandono. La struttura, che stiamo costruendo, una volta finita, sarà un luogo in cui l'età non farà sentire vecchi, un handicap non farà sentire handicappati. Sarà, in parte, autofinanziata con attività, sarà autogestita e aperta al territorio. Sarà, insomma, una comunità per la comunità fatta dalla comunità.>>
Un progetto,dunque , ben chiaro che adesso per partire ha bisogno di un ultima parte di denaro con la quale si termineranno i lavori di una struttura che potrà ospitare fino a 15 persone con ampie e comode stanze, con una mensa, laboratori e un grande giardino dove sono state già organizzate per le scolaresche laboratori dedicati alla conoscenza della natura , degli animali e delle piante. Soldi che purtroppo, negli anni, nessuna pubblica istituzione è riuscita a racimolare. Da qui l'appello alla gente, alla comunità acrese e non solo affinché l'idea di aiuto che " fa leva sulla creatività, sul lavoro umano e sulla solidarietà" non rimanga solo un progetto. Mettere tutti insieme l'ultima pietra per poter finalmente potenziare le attività diurne e avviare quelle residenziali è l'ultimo sforzo che Nello Serra e tutta la comunità chiede alla gente. Intanto, il 12 e il 13 novembre i primi appuntamenti organizzati nelle scuole del II circolo di Acri e i primi laboratori del progetto Unesco "I segni della memoria che insegna".

Fonte: "Gazzetta del Sud del" del 03-11-2010.

PUBBLICATO 05/11/2010

© Riproduzione Riservata  E' vietata la riproduzione, la traduzione, l'adattamento totale o parziale di questo giornale, dei suoi articoli o di sue foto (© Acri In Rete) presenti in esso.

Ultime Notizie

POLITICA  |  LETTO 4628  
Incontro di fine anno con il sindaco Trematerra.
E' un Gino Trematerra, gasato, soddisfatto ed orgoglioso, quello che si presenta ad Acri Tv (l’intervista andrà in onda stasera alle 21,30 e domani in replica alle 14, ma sarà visibile anche sul sit ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 3816  
Ospedale a rischio.
Le frasi pronunciate in conferenza stampa, sul futuro degli ospedali di montagna, dal presidente della giunta regionale Giuseppe Scopelliti due giorni fa rappresentano per la comunità acrese un'aute ...
Leggi tutto

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 3380  
Tempo di bilanci per il PDL di Acri.
Siamo ormai giunti alla fine di quest'anno, il 2010, ed anche il PdL locale tira le somme di quanto realizzato. Soddisfatti i vertici del partito per quanto realizzato finora.
Leggi tutto

POLITICA  |  LETTO 4065  
Comunita’ montana destra crati. Approvato il bilancio, salvi gli stipendi.
Finalmente, esclamo i dipendenti. Solo loro, però, perché la seduta di ieri, dopo vari rinvii, era stata convocata apposta per discutere dell'importante documento senza l'approvazione del quale eran ...
Leggi tutto

RELIGIONE  |  LETTO 4385  
Il giorno del coraggio.
Attorno a noi tanta apparente dolcezza, tanto facile sentimento, emozioni anche belle ma tanto pervasive quanto superficiali: in realtà la festa del Natale è cristianamente "dura" perché tocca, per ...
Leggi tutto