NEWS Letto 2815  |    Stampa articolo

La ricetta di Unisc per rilanciare il commercio.

Rosanna Caravetta
Foto © Acri In Rete
"Shopping & Show" è il nome del progetto pilota teso a fare da supporto alle attività commerciali del territorio che nei giorni scorsi , nel corso di una riunione svoltasi nella sede Unisc zonale, è stato posto all'attenzione degli esercenti. A presentare i lavori Carlo Franzisi, membro della sede provinciale dell'associazione, affiancato dal vicesindaco, nonché assessore alle Attività Produttive, Gino Maiorano. L'obbiettivo del progetto è dunque quello di rilanciare il settore commercio, quello dei servizi e dei pubblici esercizi (bar, ristoranti, pub, pizzerie),che stanno vivendo una depressione commerciale di rilevante importanza. Insomma, nei negozi non si vende più o meglio l'acquirente oggi acquista beni solo di prima necessità. Ecco allora che Unisc ha studiato una possibile soluzione, un programma per adesso a breve termine, riguarderà, infatti, solo il periodo natalizio, che servirà a motivare gli acresi e non solo a praticare i loro acquisti in città. E si, perché oggi i concorrenti più spietati delle singole attività commerciali sono i grandi centri diventati per molteplici motivi, flessibilità negli orari e ambienti riparati dalle intemperie, luoghi di continui pellegrinaggi da parte di famiglie che trovano nel centro commerciale tutto quello di cui necessitano. Ed è proprio dagli orari, infatti, che "Shopping & Show" vuole partire.
Prolungare l'apertura dei negozi fino alle 23 è un primo passo per dare modo a chi lavora di poter fare comunque le proprie spese. Acquisti, inoltre,che dalle 20 in poi potranno essere maggiormente motivati se verrà praticato uno sconto dal 20% al 50%. Per quanto riguarda invece la ristorazione sarebbe opportuno organizzare delle serate a tema con animazioni e gruppi locali, cosicché le spese siano ridotte, che permetterebbero al cliente di allietare la cena con della buona musica o con degli spettacoli. Insomma, le parole d'ordine sono ingegno e creatività .
Il tutto dovrebbe, poi, essere adeguatamente pubblicizzato attraverso il web che si farebbe promotore delle iniziative. Un progetto , dunque, molto allettante ma che tuttavia ha suscitato non poche perplessità da parte dei commercianti. "Affinché il progetto funzioni- ha affermato un'esercente - tutti gli esercizi commerciali dovranno aderire. C'è bisogno di corporativismo e c'è bisogno che il comune si faccia carico di alcune, piccole ma determinanti, spese per la buona riuscita del progetto."

PUBBLICATO 22/11/2010

© Riproduzione Riservata  E' vietata la riproduzione, la traduzione, l'adattamento totale o parziale di questo giornale, dei suoi articoli o di sue foto (© Acri In Rete) presenti in esso.

Ultime Notizie

POLITICA  |  LETTO 4633  
Incontro di fine anno con il sindaco Trematerra.
E' un Gino Trematerra, gasato, soddisfatto ed orgoglioso, quello che si presenta ad Acri Tv (l’intervista andrà in onda stasera alle 21,30 e domani in replica alle 14, ma sarà visibile anche sul sit ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 3821  
Ospedale a rischio.
Le frasi pronunciate in conferenza stampa, sul futuro degli ospedali di montagna, dal presidente della giunta regionale Giuseppe Scopelliti due giorni fa rappresentano per la comunità acrese un'aute ...
Leggi tutto

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 3388  
Tempo di bilanci per il PDL di Acri.
Siamo ormai giunti alla fine di quest'anno, il 2010, ed anche il PdL locale tira le somme di quanto realizzato. Soddisfatti i vertici del partito per quanto realizzato finora.
Leggi tutto

POLITICA  |  LETTO 4072  
Comunita’ montana destra crati. Approvato il bilancio, salvi gli stipendi.
Finalmente, esclamo i dipendenti. Solo loro, però, perché la seduta di ieri, dopo vari rinvii, era stata convocata apposta per discutere dell'importante documento senza l'approvazione del quale eran ...
Leggi tutto

RELIGIONE  |  LETTO 4392  
Il giorno del coraggio.
Attorno a noi tanta apparente dolcezza, tanto facile sentimento, emozioni anche belle ma tanto pervasive quanto superficiali: in realtà la festa del Natale è cristianamente "dura" perché tocca, per ...
Leggi tutto