INTERVISTA Letto 3877  |    Stampa articolo

Intervista Peppe Cristofaro.

Roberto Saporito
Foto © Acri In Rete
Cala il sipario e si tirano le somme ma gli obiettivi prefissati sono stati pienamente raggiunti nell'edizione speciale del Premio Letterario Padula, dedicato al prete-scrittore acrese (1819-1884). Quattro giorni molto partecipati di incontri, seminari, dibattiti, con al centro gli studenti e i temi di stretta attualità; su tutti l'Unità d'Italia, la questione (annosa) meridionale e l'informazione.
Il tutto con esponenti della cultura nazionale e non. Peppe Cristofaro, presidente della Fondazione Padula che sebbene i tagli continua a lavorare ed anche bene, è raggiante.

"Anche quest'anno il Premio ha proposto argomenti attuali con voci autorevoli e con particolare attenzione al te3ma del pensiero meridionalistico e dell'azione di crescita del Mezzogiorno nell'Unità d'Italia. Abbiamo voluto iniziare un percorso che terminerà il prossimo anno."
Perché "edizione speciale?"
Il Premio ha cadenza biennale ma abbiamo ravvisato la necessità, anche su input della regione che ha confinanziato la manifestazione anche per il triennio 2009/2011, di organizzare un'edizione in vista del centocinquantesimo anniversario dell'Unità d'Italia. La Fondazione sarà impegnata nello scandire tanti appuntamenti di studio, confronto, lettura, dibattiti.
Che valore ha il Premio per una città come Acri, comunità interna?
Un altro obiettivo è sempre stato quello di proiettare la città ed il Padula al di fuori dei territori locali. Ritengo che ci siamo riusciti visto che al Premio partecipano noti esponenti della cultura italiana. Acri, insomma, come luogo di circuito delle idee, di opportunità e di crescita sociale. Le edizioni precedenti non sono state semplici occasioni di premi e festeggiamenti ma di stimoli e di riflessione ed un impegno a favore della cultura, del sud e della comunità.
E i giovani?
Su supporto dei docenti, rispondono egregiamente, vengono stimolati e partecipano con interesse agli incontri. C'è poi un dato significativo, ovvero l'esponenziale aumento della vendita dei libri.
Come procede la pubblicazione delle opere del Padula?
Prima di Natale uscirà, per Laterza, "Il teatro di Padula" che presenteremo a febbraio mentre in ottobre 2011 sarà pubblicato "Il Bruzio" in occasione di un evento nazionale.

PUBBLICATO 06/12/2010

© Riproduzione Riservata  E' vietata la riproduzione, la traduzione, l'adattamento totale o parziale di questo giornale, dei suoi articoli o di sue foto (© Acri In Rete) presenti in esso.

Ultime Notizie

POLITICA  |  LETTO 4398  
Incontro di fine anno con il sindaco Trematerra.
E' un Gino Trematerra, gasato, soddisfatto ed orgoglioso, quello che si presenta ad Acri Tv (l’intervista andrà in onda stasera alle 21,30 e domani in replica alle 14, ma sarà visibile anche sul sit ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 3595  
Ospedale a rischio.
Le frasi pronunciate in conferenza stampa, sul futuro degli ospedali di montagna, dal presidente della giunta regionale Giuseppe Scopelliti due giorni fa rappresentano per la comunità acrese un'aute ...
Leggi tutto

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 3154  
Tempo di bilanci per il PDL di Acri.
Siamo ormai giunti alla fine di quest'anno, il 2010, ed anche il PdL locale tira le somme di quanto realizzato. Soddisfatti i vertici del partito per quanto realizzato finora.
Leggi tutto

POLITICA  |  LETTO 3841  
Comunita’ montana destra crati. Approvato il bilancio, salvi gli stipendi.
Finalmente, esclamo i dipendenti. Solo loro, però, perché la seduta di ieri, dopo vari rinvii, era stata convocata apposta per discutere dell'importante documento senza l'approvazione del quale eran ...
Leggi tutto

RELIGIONE  |  LETTO 4162  
Il giorno del coraggio.
Attorno a noi tanta apparente dolcezza, tanto facile sentimento, emozioni anche belle ma tanto pervasive quanto superficiali: in realtà la festa del Natale è cristianamente "dura" perché tocca, per ...
Leggi tutto