SPORT Letto 3435  |    Stampa articolo

L'Fc Calcio Acri campione d’inverno.

Roberto Saporito
Foto © Acri In Rete
Per festeggiare il primo posto ed il Natale, la società silana si regala un neo acquisto. Si tratta di Marcello Provenzano attaccante di razza, ex Rende. Farà compagnia al bomber e capo cannoniere Paolo Gallo in un reparto privo di attaccanti puri. Un acquisto necessario, quindi, che rafforza una rosa già di per se valida. Il Calcio Acri è campione d'inverno, infatti. Un titolo simbolico che spesso, però, ha portato fortuna. Qui, ai piedi della Sila, pensano ad altro, a racimolare più punti possibili per raggiungere un posto di rilievo. Ma né tecnico né giocatori e nemmeno dirigenti vogliono parlare di serie D. Troppo presto per sognare mentre i tifosi già lo fanno. Intanto il bilancio del girone di andata può ritenersi più che positivo. La formazione di Andreoli chiude prima in classifica grazie ad undici vittorie, di cui ben quattro in trasferta, tre sconfitte ed appena un pari proprio domenica scorsa a Roccella. De Luca e compagni hanno lasciato i punti solo sui campi difficili come Montalto, Soverato e Scalea che, quindi, nel girone di ritorno dovranno far visita ad un caldissimo "Città di Acri."
Graduatoria meritata, grazie al lavoro certosino ed oculato della società che, dopo una valida programmazione degli anni passati, ha puntato su un tecnico giovane ma già di comprovata esperienza e con tanta voglia di emergere. Angelo Andreoli da Fuscaldo è giunto ad Acri in sordina ma sono bastati pochi giorni per conquistarsi la fiducia e la stima dell'intero ambiente grazie alla sua serietà e capacità, dentro e fuori il campo. Qui sta dimostrando di essere un bravo allenatore dopo essere stato un centrocampista dai piedi eccellenti.
Dice Siciliano, ds rossonero; "sapevamo delle sue qualità e i risultati ci stanno dando ragione." Poi aggiunge; "ne approfitto per augurare, a nome della società, serene feste a tutte le società calcistiche ed in particolare al Roccella che domenica ci ha accolti con grande ospitalità." Quindi il messaggio alla città; "siamo primi e cercheremo di restarci fino alla fine ma gli sportivi devono aiutarci. I due ultimi acquisti (Leone e Provenzano, ndr) dimostrano che puntiamo in alto e vorremmo farlo con tutta la città." Oggi e domani, intanto, i rossoneri si alleneranno regolarmente poi avranno tre giorni di ferie.
Alla ripresa, il sei gennaio, l'Acri farà visita all'Isola ma l'attesa è tutta per il big match del nove gennaio contro il Montalto in casa.

PUBBLICATO 22/12/2010

© Riproduzione Riservata  E' vietata la riproduzione, la traduzione, l'adattamento totale o parziale di questo giornale, dei suoi articoli o di sue foto (© Acri In Rete) presenti in esso.

Ultime Notizie

POLITICA  |  LETTO 4403  
Incontro di fine anno con il sindaco Trematerra.
E' un Gino Trematerra, gasato, soddisfatto ed orgoglioso, quello che si presenta ad Acri Tv (l’intervista andrà in onda stasera alle 21,30 e domani in replica alle 14, ma sarà visibile anche sul sit ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 3598  
Ospedale a rischio.
Le frasi pronunciate in conferenza stampa, sul futuro degli ospedali di montagna, dal presidente della giunta regionale Giuseppe Scopelliti due giorni fa rappresentano per la comunità acrese un'aute ...
Leggi tutto

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 3156  
Tempo di bilanci per il PDL di Acri.
Siamo ormai giunti alla fine di quest'anno, il 2010, ed anche il PdL locale tira le somme di quanto realizzato. Soddisfatti i vertici del partito per quanto realizzato finora.
Leggi tutto

POLITICA  |  LETTO 3842  
Comunita’ montana destra crati. Approvato il bilancio, salvi gli stipendi.
Finalmente, esclamo i dipendenti. Solo loro, però, perché la seduta di ieri, dopo vari rinvii, era stata convocata apposta per discutere dell'importante documento senza l'approvazione del quale eran ...
Leggi tutto

RELIGIONE  |  LETTO 4163  
Il giorno del coraggio.
Attorno a noi tanta apparente dolcezza, tanto facile sentimento, emozioni anche belle ma tanto pervasive quanto superficiali: in realtà la festa del Natale è cristianamente "dura" perché tocca, per ...
Leggi tutto