OPINIONE Letto 2907  |    Stampa articolo

"L'ospedale muore: il diritto di sapere"

Alessandro Cristofaro
Foto © Acri In Rete
E' da mesi ormai che pur leggendo le varie interviste e ascoltando le parole a dir poco confortanti del nostro sindaco Gino Trematerra, ci ritroviamo di fronte notizie negative riguardanti il nostro ospedale. È stato pubblicato in questi giorni il decreto regionale che sancisce la chiusura di tre reparti dell'ospedale "Beato Angelo" di Acri e l'eliminazione di sessanta posti letto.
La cosa che personalmente mi preoccupa di più è sentire parole pronunciate in diverse occasioni dal sindaco, con cui ribadisce il suo totale controllo della situazione e il suo più che deciso impegno nel risolvere la questione.
Nell'ultima intervista pubblicata su acrinrete.info, alla domanda sulla questione ospedale risponde così: "[..] Ho sempre detto ai miei concittadini, e lo ribadisco anche ora, di stare tranquilli in quanto la politica sta lavorando per loro e sono pronto ad assumermi tutte le responsabilità del caso qual'ora dovessi fallire. I cittadini sull'ospedale possono stare tranquilli. Il nostro ospedale è un'ottima struttura e non verrà abbandonata". Vorrei che il nostro sindaco spiegasse a me e a tutti i cittadini acresi in che modo intende agire, visto che il decreto è già stato approvato. Questo continuo insistere nel rassicurare e placare le polemiche "per il bene del paese", questo modo di incoraggiare la fiducia nelle sue capacità politiche taumaturgiche garantite dalle innumerevoli cariche istituzionali ricoperte non sono d'aiuto a nessuno.
La cosa giusta da fare sarebbe, innanzitutto, discutere in consiglio quale strada percorrere, rendere partecipi tutti di quello che si intende fare per difendere la struttura più importante che abbiamo e che, forse, funziona di più. Non è banale moralismo, è soltanto l'idea di chi sente il bisogno, come tanti altri, di sapere, di sentirsi partecipe di una lotta per difendere una delle cose che più serve al nostro paese.
È ovvio che il ridimensionamento di molti ospedali della regione non può essere evitato, questo tutti lo sanno, ma non credo sia corretto rassicurare quando non c'è nessun motivo per essere tranquilli.
Il paese vuole delle risposte e le vuole adesso. Le responsabilità che in caso di fallimento il sindaco ha promesso di assumersi hanno poca importanza. L'obiettivo è salvare l'ospedale, salvare tutto il possibile. Ci sarà bisogno di manifestazioni di qualsiasi genere, di discussioni, di mobilitazione, e in questo non mancherà l'impegno della gente.
Però finiamola con questa politica di basso livello, del "lasciate stare, penso a tutto io", delle brillanti promesse che evidentemente non si potranno mantenere.
Come intende procedere il sindaco? Che significa in termini pratici "la politica sta lavorando per loro"? La mia richiesta è che ci venga chiarita la situazione, quella reale, per capire cosa sta succedendo e per prepararci ad evitare il peggio, possibilmente senza inutili scappatoie retoriche .

PUBBLICATO 30/10/2011

© Riproduzione Riservata  E' vietata la riproduzione, la traduzione, l'adattamento totale o parziale di questo giornale, dei suoi articoli o di sue foto (© Acri In Rete) presenti in esso.

Ultime Notizie

NEWS  |  LETTO 2906  
PIP Gastia saranno assegnate le aree ancora libere
Le aree ancora libere del Pip (Piano Insediamento Produttivo) Gastia saranno assegnate in diritto di superficie per la durata di 99 anni alle imprese artigianali, industriali e commerciali, di trasf ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 6391  
Due noti avvocati acresi alla ribalta nazionale per il caso Finmeccanica-Enav
Due noti avvocati di origine acrese, sono in questi giorni alla ribalta del panorama nazionale, si tratta degli avvocati Mario Murano e Natale Perri che difendendo l'imprenditore Tommaso di Lernia n ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 3354  
Intitolazione Aula Giudice di Pace di Acri a Santo Cosentino
Il girono 26.11.2011 in Acri presso il Palazzo Falcone Sanseverino si terrà il convegno organizzato dal Consiglio dell'Ordine degli Avvocati di Cosenza dal titolo "L'Assicurazione della Responsabili ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 3212  
Rito della promessa di vita evangelica
In un luminoso pomeriggio autunnale, nella piccola chiesa della SS. Addolorata adiacente alla Basilica del Beato Angelo, durante il triduo in Onore di Santa Elisabetta d'Ungheria, patrona del Terz ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 3378  
Morta la donna rapinata
Non ce l’ha fatta Maria Cofone, la donna di 83 anni che aveva subito lo scorso 12 novembre un tentativo di rapina nella propria abitazione. Viveva da sola, essendo rimasta vedova da qualche ...
Leggi tutto