COMUNICATO STAMPA Letto 3118  |    Stampa articolo

"Echi di storie non raccontate" Donne nel Risorgimento

FIDAPA - Acri
Foto © Acri In Rete
Emozionante, suggestiva, coinvolgente…questi i commenti sulla manifestazione organizzata dalla F.I.D.A.P.A. Sezione di Acri, dal titolo ECHI DI STORIE NON RACCONTATE, DONNE NEL RISORGIMENTO, inserita nella V Edizione del Premio Padula, a cura della Fondazione Padula di Acri, giovedì 3 novembre.
L’inizio della serata è stato segnato dall’inaugurazione della Mostra di pittura dal titolo “TRACCE” dell’artista acrese Lucia Paese, una esposizione di cartoline storiche per ricordare i 150 anni dell’Unità d’Italia, e celebrare degnamente il suolo patrio.
Gremite le sale di Palazzo Sanseverino - Falcone, da un pubblico interessato e sensibile a quanto di artistico - culturale abbiamo proposto: una collaborazione tra la nostra Associazione, il Coro Polifonico “San Giuseppe”, diretto dal maestro G. Fusaro, l’accademia di danza ATB Danzarte di Michele Ferraro, gli attori Grazia Bisurgi e Francesco Votano, che non poteva non dare lustro alla tematica scelta, concretizzandosi in un evento in cui hanno trovato la giusta collocazione, la musica, il canto, la danza, la recitazione, la storia, la storia delle donne del nostro Sud vissute in epoca risorgimentale.
Il territorio acrese ha bisogno di eventi come quello organizzato dalla F.I.D.A.P.A. ha bisogno di raccogliere collaborazioni e novità, di ospitare personalità illustri del mondo artistico ed accademico, come la Dott.ssa De Luna P. Simona che ha magistralmente intrattenuto la numerosa platea disquisendo amabilmente di Brigantesse e Risorgimento. Titolo del lavoro della Dott.ssa De Luna e Dott. Scafoglio Donne per forza o per amore. Brigantesse dell’Italia post unitaria’.‘Per forza o per amore’ erano le due spiegazioni che queste donne davano agli inquirenti durante gli interrogatori dopo l’arresto o nel corso del processo. Per forza: molte sostenevano , utilizzando la cosa come attenuante, che erano state rapite e costrette al brigantaggio. Per amore: altre, la maggioranza, riferiva invece di aver seguito la vita dei briganti di cui si innamoravano sedotte anche dalla esistenza di libertà che quella scelta comportava.
La serata si è conclusa con i ringraziamenti e con la consegna,da parte della Presidente della Sezione F. I. D. A. P. A. di Acri, dott.ssa Annacecilia Miele, a tutti gli ospiti che hanno partecipato, di una realizzazione in vetro offerta dalla ditta Arturo Vetro di Acri e di una raccolta antologica di figure femminili risorgimentali a cura della socia Maria Gabriella Ferraro.

















PUBBLICATO 07/11/2011

© Riproduzione Riservata  E' vietata la riproduzione, la traduzione, l'adattamento totale o parziale di questo giornale, dei suoi articoli o di sue foto (© Acri In Rete) presenti in esso.

Ultime Notizie

NEWS  |  LETTO 2913  
PIP Gastia saranno assegnate le aree ancora libere
Le aree ancora libere del Pip (Piano Insediamento Produttivo) Gastia saranno assegnate in diritto di superficie per la durata di 99 anni alle imprese artigianali, industriali e commerciali, di trasf ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 6399  
Due noti avvocati acresi alla ribalta nazionale per il caso Finmeccanica-Enav
Due noti avvocati di origine acrese, sono in questi giorni alla ribalta del panorama nazionale, si tratta degli avvocati Mario Murano e Natale Perri che difendendo l'imprenditore Tommaso di Lernia n ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 3360  
Intitolazione Aula Giudice di Pace di Acri a Santo Cosentino
Il girono 26.11.2011 in Acri presso il Palazzo Falcone Sanseverino si terrà il convegno organizzato dal Consiglio dell'Ordine degli Avvocati di Cosenza dal titolo "L'Assicurazione della Responsabili ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 3220  
Rito della promessa di vita evangelica
In un luminoso pomeriggio autunnale, nella piccola chiesa della SS. Addolorata adiacente alla Basilica del Beato Angelo, durante il triduo in Onore di Santa Elisabetta d'Ungheria, patrona del Terz ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 3386  
Morta la donna rapinata
Non ce l’ha fatta Maria Cofone, la donna di 83 anni che aveva subito lo scorso 12 novembre un tentativo di rapina nella propria abitazione. Viveva da sola, essendo rimasta vedova da qualche ...
Leggi tutto